Il linguaggio OEL

<< Fare clic per visualizzazione il sommario >>

Percorso:  »Nessun percorso su questo livello«

Il linguaggio OEL

Il linguaggio Openwork Expression Language (OEL)  serve al progettista Jamio openwork per manipolare le risorse modellate con Jamio Composer, fare deduzioni su di esse e associare ad esse comportamenti dinamici visibili nelle pagine web di Jamio on Stage oltre a permettere alle applicazioni di effettuare delle deduzioni sui dati.

Il linguaggio OEL è il risultato dell’estensione del linguaggio OGNL (Object Graph Navigation Language), nella versione fornita da Spring.NET, esteso con un set di funzioni speciali per garantire un’astrazione nella programmazione della piattaforma Jamio openwork.

Il linguaggio OEL si utilizza in fase di modellazione di una soluzione Jamio quando è necessario inserire un'espressione in maniera destrutturata (ovvero senza usare il Jamio Notation Editor) per effettuare delle elaborazioni sui dati. Ad esempio: si deve scrivere una regola di assegnazione che assegna ad un campo (soggetto) il valore ottenuto dalla somma dei valori riportati nella colonna di una tabella. In questo caso, inserita la regola di assegnazione, l'oggetto della regola non è disponibile in modalità Contesto (<>) perché occorre calcolarlo programmaticamente. L'oggetto va quindi riportato con la modalità Espressione f(x) e l'espressione deve essere riportata utilizzando gli opportuni metodi OEL, nel nostro esempio il metodo utile è Projection.