Ciclo di vita dell'attività utente

<< Fare clic per visualizzazione il sommario >>

Percorso:  Jamio openwork > I processi >

Ciclo di vita dell'attività utente

Il servizio di Human Task Management consente l’introduzione di attività interattive all’interno del disegno di un processo, chiamate Attività utente o Human task, che rappresentano attività di agenda da assegnare ad uno o più utenti interattivi. Per questo tipo di risorse sono abilitate le azioni utili a gestire il ciclo di vita di un'attività utente. L’azione Activate in corrispondenza di un’attività utente consente di renderla disponibile agli utenti esecutori dell’attività. Un esecutore prende in carico la lavorazione dello Human Task tramite l’azione Start, ed dopo averlo lavorato, tramite l’azione Complete termina la sua esecuzione, rendendola definitiva e non più modificabile.

In alternativa, un esecutore può prenotare la lavorazione dell’attività, tramite l’azione Claim: qualsiasi altro potenziale esecutore del task, pur continuando a visualizzare l’attività utente, non può prenderla in carico. L’utente esecutore che ha prenotato la lavorazione del task o che ne ha avviato la lavorazione, può rilasciare l’attività tramite Release, e così consentire ad altri potenziali esecutori di prenderla in carico. Viceversa se intende solo interrompere momentaneamente la lavorazione del task e riprenderla successivamente, l’esecutore utilizza l’azione Stop che imposta lo stato del task a Reserved.

A disposizione dell’utente esecutore, durante la lavorazione dell’attività, ci sono le azioni Delegate e Forward. Esse modificano lo stato del task:

invocando l’azione Delegate l’esecuzione del task viene riservata ad un utente selezionato tra tutte le identità che hanno accesso all'area Jamio openwork. L’attività utente assume lo stato Reserved dall'utente a cui il task è stato delegato. L'utente che ha eseguito la delega e tutti i potential owners dell'attività possono consultare in sola lettura l'attività delegata nella lista delle attività in esecuzione, fintanto che essa non è completata;

invocando l’azione Forward il task viene assegnato ad un nuovo gruppo di potenziali esecutori scelti tra risorse di tipo identità. L’attività utente diventa disponibile ai nuovi esecutori in stato Ready e non più disponibile all'utente che ha eseguito l'azione Forward e a tutti i potential owner iniziali dell'attività. E' possibile ricavare dalle informazioni dell'evento Forward, la lista delle identità a cui è stata inoltrata l'attività utente.

Quando un esecutore prende in carico la lavorazione di un’attività utente che prevede un flusso alternativo (escalation) attivabile anche manualmente, esso utilizza l’azione Escalate per innescarlo.

Le azioni riportate di seguito sono azioni di amministrazione selezionabili solo dagli utenti che hanno un ruolo amministrativo per il task:

l’azione Skip, consente di saltare l’esecuzione del task , portarlo in uno stato finale e quindi proseguire con il flusso di processo; essa è attiva solo se nel disegno del processo l’attività utente è stata definita saltabile.

le azioni Suspend e SuspendUntil quando invocate consentono rispettivamente di rendere il task inattivo o inattivo fino alla data e ora selezionata.

quando un’attività risulta sospesa, il suo stato può tornare attivo tramite l’azione Resume.

l’azione Exit, invece, è utilizzata per uscire da task, portarlo in uno stato finale e quindi proseguire con il flusso di processo.